1. Privati
  2. News
  3. Tutte le notizie
Panoramica

L’equilibrata trasparenza dell’architettura organica

Nel cuore del Friuli, una residenza monofamiliare dal disegno contemporaneo si inserisce con grazia nel contesto paesaggistico assicurando il massimo comfort abitativo. Ispirata alle costruzioni organiche del Novecento, la complessa articolazione volumetrica dell’edificio è stata realizzata con i serramenti in alluminio Schüco, protagonisti assoluti dell’architettura.

Immersa nel verde e nella luce, è stata recentemente completata nel cuore della pianura friulana una villa disegnata per garantire la massima qualità dell’abitare. Progettata con gusto e creatività, rappresenta un vero esempio di architettura domestica, intesa come sintesi fra lo spirito del luogo e le esigenze umane.


Schüco Italia reinterpreta l'architettura organica

Una complessa relazione tra esterno ed interno

Per il progettista ing. arch. Massimo Nencioni (studio 2M Engineering) la sfida è stata duplice. Da una parte si trattava di mantenere pressoché inalterato l’impianto macro-funzionale originario, mettendo comunque in stretta relazione la nuova abitazione con il proprio contesto, in modo da esaltare l’equilibrio fra lo spazio interno e il giardino circostante. Dall’altra parte la sfida – più difficile, date le perplessità iniziali – è stata convincere i tecnici dell’amministrazione locale che il linguaggio moderno ha pari dignità espressiva rispetto all’architettura del passato e che può risultare altrettanto rispettoso del contesto.

Sopra gli ambienti semi-ipogei, ingentiliti dal caminetto risalente al periodo rinascimentale, unico elemento recuperato della precedente costruzione, la zona giorno al piano terreno è incentrata su un grande soggiorno polifunzionale, aperto verso il giardino grazie ad ampie superfici vetrate e compenetrato dal vano scale. La cucina dispone di una bow window che la inonda di luce naturale, mentre la palestra è dotata una grande porta scorrevole trasparente. Sono inoltre presenti un miniappartamento per gli ospiti, con ingresso indipendente, e alcuni locali di servizio. Il primo piano è riservato alle camere da letto con bagno dedicato, una delle quali è situata nel torrino superiore e gode del magnifico panorama sulla campagna friulana.


Le relazioni fra interno ed esterno sono mediate da grandi terrazze con parapetti in vetro che, assieme alle bianche modanature perimetrali in lamiera, sottolineano la complessa articolazione volumetrica dell’edificio, rivestito con lastre di gres porcellanato effetto pietra piasentina e coronato da coperture piane. Alcuni elementi come i portoni, il portoncino pedonale e i frangisole sono in tubolare e lamiera d’alluminio, rifiniti con una texture dai riflessi dorati. Complessivamente la composizione è perciò volutamente ispirata a stilemi contemporanei, scelta dettata anche dalla volontà del committente di demolire il fabbricato preesistente, senza alcun valore storico, per sostituirlo con un manufatto adatto alle necessità della sua famiglia